Shiatsu

Zen Shiatsu e Shiatsu vibrazionale – lo Shiatsu nell’evoluzione portata da S. Masunaga e P. Sasaki.

Lo Shiatsu nasce come una tecnica manuale basata principalmente su pressioni portate con i pollici, le dita, i palmi delle mani, i gomiti, le ginocchia o i piedi lungo canali energetici chiamati “meridiani”. L’evoluzione di tale tecnica, attraverso vari processi e cambiamenti, ha condotto a portare l’attenzione non più solo sui meridiani ma anche sull’espressione vibrazionale del corpo fisico e di tutti gli altri campi energetici.

Lo Zen Shiatsu nasce dallo stile di Shizuto Masunaga (1925-1981) e coniuga concetti e pratiche zen con lo Shiatsu.
Lo stile Masunaga si basa sulla medicina tradizionale giapponese e sui meridiani energetici rivisitati e attualizzati secondo le moderne conoscenze energetiche, fisiche e psicologiche, apportando dei cambiamenti sostanziali all’applicazione dello Shiatsu conosciuto fino ad allora. Sulla base di studi approfonditi nell’ambito della cultura e della medicina tradizionale cinese e giapponese, Masunaga unisce la visione psicologica moderna e quella profonda della filosofia zen, creando una tecnica per gli occidentali pari a nessun altro stile shiatsu e portando lo Zen Shiatsu su un piano globale di considerazione del trattamento per la persona nella sua interazione fra “mente-corpo-spirito”.

Lo Zen Shiatsu si fonda su principi tecnici quali:
– l’uso della pressione di entrambe le mani, chiamate mano madre e mano figlia;
– la pressione è portata attraverso la forza di gravità modulata dal corpo del praticante attraverso l’uso dell’Hara, baricentro del corpo, dove nasce la pressione corretta per lo Zen Shiatsu;
– l’estensione in tutti gli arti dei meridiani tradizionali.

I fondamenti dello Zen Shiatsu sono il respiro, la postura e la pressione perpendicolare. In maniera simile alla trasformazione dello Shiatsu operata da Masunaga, Pauline Sasaki ha ulteriormente sviluppato il sistema introducendo l’uso della spina dorsale, con allungamento posturale come nuovo “baricentro” dell’operatore. L’amplificazione del proprio campo energetico utilizzando l’apertura della colonna vertebrale e della vista periferica, portando avanti il peso corporeo, dà accesso alla percezione del campo energetico più ampio. Sasaki ha quindi rivoluzionato nuovamente lo Shiatsu e aperto un nuovo capitolo nell’evoluzione del tocco in questa tecnica. Integrando le informazioni ricevute da Masunaga e dal suo allievo Kishi, ha concluso che è possibile percepire le frequenze che si manifestano all’interno dei meridiani anche nei campi più estesi. Sasaki ha utilizzato queste informazioni per elaborare una tecnica più raffinata, che interagisce su più livelli. Con questo nuovo approccio ha esplorato la multi-dimensionalità energetica del corpo fisico: unendo i principi della medicina tradizionale cinese e ayurvedica con i concetti della fisica quantistica, ha mostrato come il corpo fisico possa comportarsi come un campo di vibrazioni energetiche, e quindi espandersi e contrarsi durante le sue manifestazioni quotidiane.

L’Oceano del KI organizza incontri, seminari, corsi amatoriali e professionali oltre a trattamenti individuali.