Marina Valcarenghi e Nicola Valcarenghi Scognamiglio saranno con noi tre serate su Zoom:

giovedì 18 e 25 marzo, giovedì 8 aprile

 

Costo del seminario: 70 euro
Scadenza iscrizioni: 10 marzo

Per info e prenotazioni: info@oceanodelki.it

Coloro che perdessero un incontro avranno la possibilità di ascoltare la registrazione tramite un link accessibile nelle due settimane successive.

 

LORO E NOI

L’Africa dell’esodo e l’Italia dell’approdo: le reazioni consce e inconsce a una situazione traumatica.

 

Nicola Valcarenghi Scognamiglio
Vi racconterò la mia Africa, un po’come un antico cantastorie, parlerò della gente che ho conosciuto e di quello che ho visto e compreso di quei mondi, di quei modi di vivere e di pensare, vivendoci dentro, non come turista e nemmeno solo come studioso.
Vi dirò, con episodi, dialoghi e anche con immagini, i miei incontri e i miei scontri, la reciproca curiosità, alcune avventure e la meraviglia di nuove amicizie, anche nella condivisione del dolore e della paura.
Cercherò di descrivere il vuoto che le partenze definitive lasciano dietro di sé, la miseria dei colonialismi vecchi e nuovi, le guerre che hanno attraversato quei territori dietro le coste fitte di resort di lusso per occidentali indifferenti.
Vi parlerò del rischio della scomparsa di civiltà affascinanti, così diverse e complementari alle nostre, e che già incantavano i viaggiatori colti dell’Europa dei secoli passati.

Marina Valcarenghi
Lo sradicamento genera conseguenze anche psicologiche per loro e l’immigrazione genera conseguenze anche psicologiche per noi. Possiamo essere curiosi ma disponibili, oppure ostili e insofferenti. E loro possono aprirsi a noi o chiudersi all’interno dei loro gruppi di appartenenza. Possiamo affrontare difficoltà e conflitti insieme o fare muro gli uni contro gli altri.
A partire dalle conoscenze e dall’esperienza di Nicola, e dal mio lavoro di psicoanalista, vi parlerò delle reazioni consce e inconsce e dei sogni che le descrivono, da entrambe le parti. Un compito, questo, che dobbiamo cominciare adesso, prima che sia tardi.
Siamo infatti tutti di fronte a un’opportunità o a una sconfitta: la costruzione di un nuovo equilibrio o la violenza endemica nel nostro territorio.
Ricordiamo che loro oggi sono qui perché noi in passato siamo andati là a saccheggiare e a imporre il nostro modo di stare al mondo. Oggi non hanno scelta; come diceva già Umberto Eco: “questa non è un’immigrazione, è un esodo”.

 

Nicola Valcarenghi Scognamiglio, nato a Roma, è cresciuto a Milano e da più di vent’anni vive in Toscana, attualmente a Livorno. Ha interrotto gli studi universitari in Giurisprudenza per mancanza di interesse e ha occupato gran parte del tempo libero dal lavoro per seguire, a modo suo e per proprio conto, particolari filoni di ricerche storiche, archeologiche e antropologiche, alcune pubblicate in un suo testo dall’Università Statale di Milano.
Ha lavorato in ambiti diversi nel corso del tempo: istruttore di equitazione, skipper, collaboratore di una ONG operativa in Tanzania, commerciante e produttore di olio d’oliva biologico e altro ancora.
Gli studi e i viaggi in Africa sono la sua passione, come il desiderio di raccontarli, un po’ come un antico cantastorie.